Un dolce very very abruzzese

Okkei… okkei… questo è, senza ombra di dubbio, un blog felino. Ciononostante, siccome siamo dei bravi mici, abbiamo raggiunto un compromesso con la nostra umana: ogni tanto daremo spazio ad un post di interesse un po’ più, come dire? umano, vale a dire che sia più interessante per voi che ci leggete.

Tempo fa, abbiamo avuto una sorpresa tanto gradita quanto inaspettata: abbiamo scoperto che il nostro blog era stato incluso in una food-blog list: alla nostra osservazione che, anche se ogni tanto passiamo di straforo qualche ricetta, il nostro non poteva ritenersi un food-blog in senso stretto, la proprietaria della food-blog list ci ha risposto che è stato il connubio cibo+gatti che è stato irresistibile per lei. Compiaciuti ed orgogliosi, ci siamo detti che forse era giusto, a questo punto, dedicare qualche post in più alle pappatorie, per cui stasera vogliamo darvi una ricetta veramente da leccarsi i baffi, e anche le dita! Il… PARROZZO!!!

INGREDIENTI
6 uova
250 g. di zucchero
150 g. di mandorle
150 g. di semolino
il succo di 1 limone
il succo di 1/2 arancia
1 fiala di essenza di mandorle amare
1 cucchiaino di lievito
2 quadrotti (120-150 g. circa) di puro cioccolato fondente
1 cucchiaino di cacao amaro in polvere
codette di cioccolato

PROCEDIMENTO
Battere bene i tuorli con lo zucchero fino a farne un composto chiaro e spumoso. Aggiungere poco alla volta le mandorle precedentemente tritate e il semolino. Incorporare il succo di limone e dell’arancia, l’essenza di mandorle amare e il lievito e, infine, gli albumi montati a neve fermissima, molto lentamente, amalgamandoli con un movimento dal basso verso l’alto. Versare il composto in uno stampo a cupola del diametro di 18 cm. precedentemente unto e cosparso di semolino e infornare in forno già caldo a 220°, e dopo 5-10 minuti abbassare la temperatura al minimo e lasciar cuocere per un’oretta (fare sempre la prova stuzzicadenti per verificare il grado di cottura). Far raffreddare e sformare.
In un pentolino sciogliere a bagnomaria la cioccolata spezzettata grossolanamente con il cacao amaro in polvere e poca acqua e con questa ricoprire tutto il parrozzo, prima la base che farete solidificare (mettetelo in frigo per 5-10 minuti così indurirà prima), e poi fate la colata sul resto della cupola, aiutandovi con una spatola per rendere la copertura bella omogenea. Infine, cospargere con una pioggia di codette di cioccolata.
Fate solidificare il tutto e… godete!!!
Ecco cosa ne risulterà:

Parrozzo

Parrozzo

Avanti, confessatelo su, che già solo a guardare le fotografie vi viene un’incontrollabile acquolina…

Il Parrozzo è il dolce abruzzese per antonomasia, decantato persino dal D’Annunzio come una bontà sublime e paradisiaca. Questa versione home-made è ancora meglio di quella che si trova in commercio perchè non è asciutta come l’originale… provare per credere!

Al Parrozzo si accompagna bene l’Aurum, un liquore all’arancia anch’esso tipico delle nostre parti. Anche per questo abbiamo una ricetta casalinga ma… una cosa per volta! mica possiamo svelarvi i nostri segreti tutti insieme!!! redpaw

Annunci

7 thoughts on “Un dolce very very abruzzese

  1. che faccia tosta dare ricette per dolci quando si sa che dovremmo essere tutti a dieta post-natalizia in preparazione del Carnevale-vergognati!!!!
    ;-P
    buon w.e.
    baci
    daisi
    ps-anch’io ho esp non ti ho mandata la catena perchè sapevo che l’avresti spezzata!!!

  2. Ti dirò, anche se sono un gatto sento una certa acquolina in bocca a vedere questo parrozzo o come si chiama. E pensare che mi stavo per arrabbiare leggendo che per “noi” (noi gatti o loro umani???) sarebbe più interessante leggere d’altro. Sia mai! Però in effetti questo è moooolto interessante.

  3. Ciao carissima Concetta + Trio Peloso,
    sicura della vostra sensibilità riguardo a qualsiasi problema d’ingiustizia sociale, fin d’ora vi dico ” GRAZIE “, se vorrete passare dal mio Blog e lasciare la vostra impronta di solidarietà per persone molto meno fortunate di NOI : basterà un Commento sul Blog, che segnalo nel Post, per fare un grande regalo a chi ha così poco, quasi niente……
    Un gesto d’affetto e di solidarietà, che farà star meglio anche chi lo donerà e non solo chi lo riceverà !
    Sono sicura di poter contare su di VOI, passate un piacevolissimo Week-end e che l’ Energia vi sia sempre accanto……….M.C.Francesca

    PS : in quanto al PARROZZO, non commento….Solo a guardarlo sono di nuovo aumentata di un chilo ( ed in questi giorni sono a dieta strettissima per via della Glicemia troppo alta, dopo gli stravizi natalizi ! )…….
    QUESTA E’ PURA CATTIVERIA, SIGH ! SIGH ! SIGH !

  4. Ciao Concetta!!!
    oggi finalmente riesco a superare la barriera active x che mi ha bloccato per mesi dall’entrare nel tuo sito (avevo l’explorer impazzito)…e che mi trovo davanti??!? :O
    sto meraviglioso bestione di cioccolato che mi grida :mangiamiii….
    mo mi sa che provo a farlo presto presto! – con la gioia del maritino che vivrebbe di dolci 😉 –
    un bacio a te e ai tuoi mocioni stupendosi!!!

  5. Il liquore all’arancia è in infusione, ora devo dare la caccia al contenitore da forno per il parrozzo!
    Troppo buono e in effetti la versione di pasticceria è moooolto inferiore a quella casalinga!
    Purtroppo ho anche scoperto che a Olivia piace tantissimo il rivestimento di cioccolato (l’ho beccata all’opera con il panettone), devo trovare un altra “cassaforte” sicura. Che dici, mi serve un altro microonde?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...