Participi passati

"ESATTO!!!" lighten

Il collega mi guarda incuriosito, si starà chiedendo se sono finalmente riuscita a risolvere qualche annoso problema lavorativo, o se più semplicemente sono impazzita.

"ESATTO!" esclamo ancora, guardando di rimando il collega sempre più perplesso. "Ma sì, esatto… il participio passato di esigere!"

Ormai il collega è del tutto sicuro che sto dando fuori di matta, e medita di chiamare l’infermeria per farmi dare un sedativo, e allora continuo nella mia esplicazione: è una domanda che mi trascino dietro dai tempi del liceo, quando neanche la prof di lettere seppe dare una risposta alla mia domanda <‘fessoré, ma qual è il participio passato del verbo esigere?>

<Esigiuto? mmmhhh, no… Esigiato? no, nemmeno questo… Esagitato? no, questa è un’altra cosa! Mah! che ti devo dire? sarà un verbo senza participio passato.>

Sarà, ma a me ‘sta cosa non m’ha mai convinta… e oggi, finalmente, sono illuminata da un’intuizione geniale. O, per meglio dire, da una deduzione. Allora, seguimi: chi è colui che ha l’ingrato compito di esigere le tasse? Ma l’esattore, è ovvio! E la parola esattore, da dove viene? Ma dal participio passato del verbo esigere, che quindi, a stretto rigor di logica, è ESATTO!!!

Il collega a quel punto aveva fugato ogni dubbio: ero decisamente e irreparabilmente schizzata, e forse anche un po’ paranoide ma, tutto sommato, non pericolosa, quindi poteva anche evitare di farmi dare il sedativo, per ora…

Quello stesso giorno, mentre mi recavo presso un altro ufficio, vedo dei colleghi al distributore del caffé. Tra questi, il collega ingegnere P.M. (uso le iniziali per rispetto della privacy, ma tanto lo so che, se qualche collega legge il mio blog, capirà immediatamente di che ingegnere P.M. sto parlando giggle) e, presa dall’impulso di mettere alla prova la sua conoscenza della lingua italiana, arci-stra-convinta che lo avrei messo in difficoltà, gli rivolgo a bruciapelo la domanda "qual è il participio passato del verbo esigere?"

Costui, senza un attimo di esitazione, invece di mandarmi a quel paese mi risponde "ESATTO!" micioneve

ESATTO!!!!!

Vorrei sapere chi è quell’ACIDONA MALPENSANTE e MALFIDATA che sostiene che gli ingegneri sono i degni eredi dei carabinieri fisch… ma quando mai??? (per inciso: sono sicura che l’ingegnere in questione mi ha saputo rispondere perché è uno dei pochissimi ad avere un’ottima padronanza della lingua italiana… di certo, se avessi rivolto la stessa domanda ad uno qualunque delle decine di altri ingegneri che brulicano come formiche impazzite nell’azienda dove lavoro, NESSUNO avrebbe saputo darmi la risposta ESATTA – bé, forse ancora uno o due, ma solo se accuratamente selezionati!!! ih!ih!ih!)

A pensarci bene hmm, se avessi rivolto la mia domanda già a suo tempo ai sigg. Devoto e Oli, avrei colmato molto prima questa lacuna del mio sapere, ma evidentemente trattavasi di una lacuna con cui, tutto sommato, si poteva convivere anche senza gravi ripercussioni sul proprio modus vivendi.

OK, non fatemi caso, sto un tantinello esaurita, diciamo pure che sono matta… come una GATTA (che ovviamente fa rima con ESATTA moony)!!! redpaw

Annunci

7 thoughts on “Participi passati

  1. EH no!! Non é ESATTO ,non si può dire “matta come una gatta” nemmeno se fa rima. O perlomeno se proprio lo vuoi dire non farti sentire da Minnie o da Elisa. Credo che ne sarebbero enormemente scandalizzate.
    Altra citazione:”Visto che dio ci ha dato una sola vita, perchè non dividerla con un gatto?” G.G

  2. Cara amica, il fiume è il Bisenzio ed attraversa quasi tutta la valle che è chiamata appunto “La valle del Bisenzio”. Le nutrie vivono li da (credo) una quindicina di anni, non sono tanto sicuro, cioè da quando un alluvione liberò alcuni esemplari di un allevamento che produceva, appunto pellicce di Nutria. Purtroppo non avendo nemici naturali si sono moltiolicate a dismisura, e sono tante. Vivono prevalentemente in acqua, ma fanno le loro tane sugli argini scavando lunghe gallerie. Questo può causare dei danni e gia qualcuno ha cominciato a parlare di contenimento, il che significa, purtoppo, che il futuro di Fiorenza et amiche è alquanto incerto. GUAI agli animali che si contrappongono, anche se involontariamente, agli interessi dell’uomo. Ma cambiamo discorso. Ho sempre ammirato il grande Leonardo, ma ora che so della sua citazione, credimi le sue quotazioni, per cio che mi riguarda, sono aumentate di un bel po’. Per quanto riguarda i mici, amica mia, le cose non funzionano, purtroppo come dici tu. IL fatto è, che se accarezzo i plebei non ho bisogno di farlo di nascosto in quanto alla princisbecca non gliena cala una cippa. Ci mancherebbe che fosse gelosa. E’ lei che le carezze non le vuole. Mi incanta con la sua coda portata a mo di bandiera, mi ammalia con il suo splendido pelo, in pratica, mi circuisce con le sue movenze feline, ma non si fa toccare. Credimi, è come avere la luna nel pozzo senza poterla tirare su. Ma probabilmente queste cose le vivi pure tu con la tua Minnie. In fondo (credo) che le aristo(gatte)cratiche siano un po’ tutte uguali. Fortunatamente, per mia consolazione, tengo i plebei che quando sono in voglia di coccole non si tirano indietro, ma azionano il motorino del ronfo. Ecco in questo momento il Maurizio è salito sulle mie ginocchia. La tastiera si sta allontanando, ha sonno e vuole le coccole, ecco partito il ronfo. Devo chiuderekjhrdgii G.G

  3. @ Robynson: Oh my God, Roby… NOOOOOO! con un ingegnere MAI!!! Almeno non con quelli che lavorano da me, che sembrano esaltarsi solo a parlare di cinghie, pulegge, servo-motori e testate saldanti… brrrrrrrr, che ORRORE!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...