Ecco la verità!

Alcuni giorni fa si è verificata una circostanza, grazie alla quale la mia umana ha finalmente capito il motivo per cui sono finito sotto quel cespuglio (che non ha niente a che vedere con le strshitate che andate raccontando voi umani dei bambini che si trovano sotto i cavoli!) nell’aiuola del posto dove lavora.

Per quasi due anni ha continuato a chiedersi chi potesse aver avuto lo stomaco di sbarazzarsi di un micio bello, simpatico e socievole come me. Un randagio non potevo essere, perchè non ero malmesso come di solito sono i randagi: non ero infestato dai parassiti, avevo un bel pelo folto e lucido e, anche se non ero bello in carne come sono ora, non ero neanche denutrito. Ma allora come? perché ero finito lì???

MicioAlex dopo il suo ritrovamento, addormentato sopra delle pratiche nell'ufficio della sua mamy

Ebbene, alcuni giorni fa abbiamo avuto delle visite: è arrivato un signore, ed io ero contento come sono sempre quando a casa vengono delle persone. Dopo qualche secondo, è arrivata pure una signora che credo fosse la moglie, qualunque sia il significato che attribuite voi umani a questa parola. Ma questa signora non era da sola…con lei c’era… AAAARRRRRGGGGHHHHHH!!!!!!!!!!! UNA BAMBINA!!!!!!!!!!!!!

Poteva avere non più di tre o quattro anni ed io, appena l’ho vista, ho cominciato ad indietreggiare e a cercarmi un nascondiglio. Per carità, lei non mi ha fatto niente, ma il punto era che, insomma… era una BIMBA!!! Nei primi mesi della mia vita, ho vissuto a stretto contatto con i bimbi, ma in realtà, non erano dei bimbi… erano dei MOSTRI! Mi tormentavano in tutti i modi possibili e immaginabili… volevano giocare con me quando stavo dormendo, mi tiravano la coda, mi scagliavano addosso i sassi… un supplizio! Ma a farmi rabbia non erano tanto loro, dopotutto erano solo dei BAMBINI! Erano gli ADULTI che mi facevano impazzire, perchè nonostante tutto quello che subivo fosse proprio lì, sotto i loro occhi, non hanno mai profferito una sola parola in mia difesa, anzi… sembrava che si divertissero!

E poi, neanche mi nutrivano come si deve: mi davano sempre e solo i loro avanzi! Va bene che noi felini siamo carnivori, ma cavolo! mica rosicchiamo le ossa come i cani! E gli ossicini piccoli potrebbero essere anche molto pericolosi se li ingoiamo. E poi mi davano le bucce e i torsoli della frutta… puah, KEKKIFO!!!blet

Insomma, un bel giorno, non ce l’ho fatta più e sono scappato! Ho preferito andare incontro all’ignoto, piuttosto che sopportare ancora un sol giorno di quel supplizio! E allora ho camminato e camminato finché una notte, stanco e infreddolito fino al midollo, non ho trovato riparo sotto quel cespuglio. Mai mi sarei aspettato di trovare una persona che mi raccogliesse e si prendesse cura di me come un BAMBINO, ma alla fine è così che sono andate le cose, ed io sono grato alla mia buona stella!

Adulti che leggerete questo post, vi prego: siete VOI i responsabili per l’educazione dei vostri figli perciò, educateli a rispettare gli animali! Insegnate loro che NON siamo dei pupazzi di pelouche, ma degli esseri senzienti che SOFFRONO e provano DOLORE, e che non devono fare a noi i dispetti che non vogliono siano fatti a loro! I BAMBINI di oggi saranno gli ADULTI di domani… se non crescono nel rispetto della dignità degli animali, come potrete aspettarvi che un giorno possano rispettare la dignità di QUALSIASI ESSERE VIVENTE, compresa quella dei BIPEDI?

Insegnate loro a rispettare la VITA!

P.S. una precisazione della mia umana: ovviamente, il vissuto di Alex descritto in questo post è solo una congettura un po’ romanzata, tuttavia il fatto da cui tutto ha avuto origine si è verificato sul serio, e il terrore che ho visto negli occhi di Alex quando si è trovato di fronte a quella bambina era reale e mi ha lasciata sgomenta. Purtroppo non posso sapere cosa gli sia accaduto davvero, prima che le nostre strade si incrociassero, però la morale non cambia: molto spesso i bambini sanno essere dei gran tormentoni nei confronti degli animali… genitori, che ne dite? una sgridatina? una pacchetta sul culetto? magari molto spesso li sgridate e sculacciate per molto meno… purplepaw

Annunci

13 thoughts on “Ecco la verità!

  1. ciao micione Alex tu la sai che la penso esattamente come TE!
    ultimo salutone prima delle vacanze quindi un abbraccione e una grattatina a te, a pepperina e a minuccia e a tutti i vs amichetti pelosoni
    un bacione alla vs. super mamma! x’ con voi e’ davvero super!

    enelya

  2. i bambini sanno essere davvero insopportabili quando ci si mettono e non sono stati educati a dovere!
    qualche giorno fa sono stata in vacanza e ho visto una scena bellissima, una mamma gatta con un cucciolo che lo allattava in mezzo alle sedie di un dehor di un ristorante e tutti la guardavano, anche i bimbi, e lei tranquilla si limitava ad osservare!
    ciao
    elena

  3. sono sempre stata favorevole all’idea di far crescere i bambini con un amichetto a quattro zampe a far loro compagnia… ma prima di tutto, come dici anche tu, per insegnare loro il rispetto alla vita… da bimba mi arrabbiavo sempre, soprattutto quando davano fastidio alle lucertole. Figurati un po’
    Maluna

  4. Sono perfettamente d’accordo con te…. Rispettare gli animali e la natura sin da piccoli ci porterà di sicuro ad essere persone migliori da grandi… Peccato che non tutti la pensino così… Un bacio.

  5. uh completamente daccordo con te…senti già che ci sono ti chiedo una cosa…io ho una gattina di 4 mesi hce non faccio ancora uscire di casa…..non so ho paura che si faccia del male o che scappi te cosa dici???….lei poverina muore dalla voglia di uscire che mi consigli???? grazie tante ^_^

  6. infatti io lo sostengo sempre: meglio un gatto di un figlio. Il gatto se non altro rispetta sempre i bimbi. a differenza delle piccole pesti urlanti che, appunto, se educate male (cosa che capita spessissimo), si sentono in diritto di trattare gli animali come pupazzi (anche se forse il paragone non è giustissimo: io avevo un gran rispetto dei miei pupazzi, non li rompevo né li malmenavo..li coccolavo come faccio ora con Camillo). miao
    fra

  7. Alex, io so per esperienza che se ai bimbi non si insegna il rispetto per gli animali, da adulti diventano come quelli che mi hanno squarciato il pancino quando ero cucciolo.
    Adesso tu ed io possiamo permetterci di dimenticare quello che ci è successo, ma non è mica facile.
    il tuo grande a-micio Zip

  8. Pepper, mi hai fatto venire un dubbio terrificante! Davvero pensi che potremmo andare incontro ad una carestia di crocchi? E’ il mio terrore tutte le volte che vedo che scarseggiano nella vaschetta del dispenser! Allora spero che grandini solo qui, dove invece delle coltivazioni ci sono i turisti e su, all’Alpe, le greggi che fanno il formaggio che piace tanto a Olivia.
    Teniamoci informati!
    Tuo Zip

  9. Qua è venuta la fobia da carestia di crocchi!!!…meglio non pensarci…
    La mia Minou, la mia adorata micia che ora non c’è più, è arrivata in casa che avevo poco più di 6 anni, me la ricordo ancora, era Pasqua e me l’ha regalata un cugino di mia madre…gliel’avevano data come primogenito del suo gatto in quanto aveva avuto cuccioli pensavamo con una siamese…
    Bellissima, piccolissima, occhi azzurri come il cielo e fin dal primo giorno carattere altezzoso da principessa ma morbida e dolce come una nuvola estiva.
    Ed io la rispettavo come una sorellina, perchè mamma mi diceva che se si faceva male stava male come me!
    Lei è stata la mia sorellina per 17 anni, e da bimba che ero è cresciuta con me.
    Pensare che strano, dopo pochi anni, appassionatami di cani e gatti, scoprii che la mia micia era di razza e non ce l’avevano detto… una snowshoe!!!
    M’ha insegnato e dato tanto amore.

    Era simile… :

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...