Quando manca la connessione…

Quando manca la connessione…

… tra bocca e cervello (cervello? ma ci sarà davvero???)

Dialogo odierno tra la nostra mamy e una sua collega:

Mamy: "A quanto pare, Al Qaeda avrebbe rivendicato l’attentato di Londra di questa mattina. Ha detto pure che prossimamente toccherà all’Italia."

Collega: "Sì, all’Italia… ma in una città grande! Mica vorranno fare un attentato in una cittadina insignificante come la nostra?!?"

CIOEEEEEEEEEE’… ma forse la vita delle persone che vivono in una grande città vale meno della nostra?!? Non abbiamo miao-parole…

Annunci

10 thoughts on “Quando manca la connessione…

  1. Guarda, la vita delle persone vale lo stesso sempre e dappertutto. Quello che c’é di vero é che probabilmente quelli che vivono in una grande città sono più rischio di rimanere coinvolti in un attentato di chi vive in una cittadina o in un paese. Io ora ho paura, e penso di avere ragione ad averne.
    Lalla

  2. Ciao a tutti!
    Ma dai… Non è possibile… Come si fanno a dire certe scemenze???
    Vabbeh…di gente non normale al mondo ce n’è…
    Buon week end!
    Ele.

  3. guarda Concetta, se il commento della tua collega ti sembra da “provinciale”, ti posso dire che qui a Milano la voce che gira è “speriamo che sia a Roma, speriamo che sia a Roma”!
    MA CI RENDIAMO CONTO???? Alemaggie

  4. io tremo… sai abito a Napoli… tra la Accademia Aeronautica e la sede della Nato… se nn mi prendono sarà solo un fatto fortuito 😛 Maluna che la prende con filosofia

  5. Ciao Micie
    Ciao Concè

    Simpatica la tua collega, deve essere una tipa
    veramente altruista…
    Più che la connessione fra l’encefalo e la bocca
    a me pare che il problema stia nell’assenza del cervello :-))

    Miao

    Un bacione

    Cicciuzzo

    PS: mostro, il micio randagio è sparito nel nulla, però
    è tornata la micina randagia, aveva, anzi ha due cuccioli,
    stanno in una casa disabitata e sono selvatici, però sono riuscito
    a trovare il modo per dar loro da mangiare.

  6. Sembra un po’ di vivere, o sopravvivere, ad una roulette russa. Continuerò a fare la mia vita, prenderò treni e metropolitane quando occorre.
    Devo dire che adesso Guernica mi ha colpita molto di più di quando l’avevo vista la prima volta in tempi più pacifici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...