L’urlo di Minnie

L’urlo di Minnie

Oh Santa Micetta! ma perché? PERCHE’?!? Qualcuno me lo potrebbe spiegare, per carità felina??? Io non lo volevo… si stava così bene in questa casa prima che arrivasse lui! Poi è cambiato tutto e la pace è finita! Non lo sopporto, davvero: IO PROPRIO NON LO SOPPORTO!!! e non c’è verso di farglielo capire, sigh!

Ma possibile che non si riesca in alcun modo a fargli entrare in quella zuccaccia vuota che mi deve lasciare in pace, che non ho voglia di essere coinvolta nei suoi giochi senza limite, che la deve smettere di venirmi addosso e provocarmi in tutti i modi?!? Io gli soffio, gli ringhio, mi vado nascondendo da tutte le parti, e lui niente! continua a rincorrermi e a martoriarmi… ma giocasse con Pepper, che almeno sa come offrirgli "pane e formaggio" per i suoi denti. Lei sì, che è una combattente, e pure vendicativa! Perché se l’aria si mette male per lei, è vero sì che batte in ritirata, ma mica se ne dimentica, eh no!!! Alla prima occasione, quando lui è distratto, lei lo aggredisce e gli fa pagare tutti i conti in sospeso. Io non sono così… vorrei solo essere lasciata in pace, potermene stare per i fatti miei senza preoccuparmi dei suoi assalti da traditore "figlio di una gattaccia", che lo possino!!!

E non lasciatevi ingannare da tutte le foto che lo ritraggono come una creatura dolce, mansueta e coccolone… E’ TUTTO FALSOOOOO!!! E’ solo una tattica ben studiata per suscitare le vostre simpatie, perché la sua natura, quella VERA, è ben altra: è solo un’orribile iena che sa vendersi bene, lui! Tutto questo non è giusto: se penso che proprio io ero la più ben disposta nei suoi confronti, quella che ha fatto di tutto per convincere Pepper che non doveva essergli ostile, perchè anche lui meritava una casa e una famiglia! Ecco, questo è il ringraziamento… e ben mi sta, così la prossima volta (PROSSIMA VOLTA? Oddio, NOOO!!!) imparo a non impicciarmi, mannaggia a me!!!

Meno male che almeno ci pensano i nostri umani a sgridarlo quando mi dà il tormento, anche se serve a ben poco, perché tanto lui è sordo a tutte le sgridate… mamy, ma quel giorno non ti potevi fare gli affari tuoi??? Ma proprio qui dovevi riportarlo, quel MOSTRO?!? MEEEOOOOOWWWWWWWW!!!!!!!!!!

Annunci

6 thoughts on “L’urlo di Minnie

  1. ciao!
    arrivo tramite loren e kitty
    avete un sito carinissimo
    ti invito a visitare il mio
    a volte parlo di altro oltre che di gatti, ma… i gatti ci sono eccome!
    ti aspetto!

  2. Minnie! Povera piccola cara! Devi avere pazienza…è l’irruenza della gioventù, poi vedrai che il ragazzo imparerà un pò di buone maniere!
    Se ne approfitta perchè sei un pò bambasc…troppo buona ecco!
    Lorella

  3. hihihihi povera Minnie! 🙂 Ti capisco ma pero devi pensare che MicioAlex e’ piccolino e ci piace tanto a giocare. Vedrai che col passare del tempo si calmera’. Pensa che io, poverino, sono solo e devo trovare altri modi da giocare, a volte anche con un piccolo pezzo di carta che trovo sul pavimento oppure mi nascondo sotto la tavola e quando mamy passa da li io salto fuori e ci mordo la gamba!
    🙂

  4. Minnie, come ti capisco! Qui quando è arrivato Zip a sconvolgere l’ordine costituito è stata davvero dura! Pepe gli ha soffiato per un paio di mesi. Abbi pazienza, le cose si sistemeranno, anche se non del tutto. Zip continua a “inzigarci”, a farci assalti, a sfilarci i crocchi da sotto il muso con una zampa, però adesso litighiamo meno e ci siamo divisi equamente i posti per i pisolini e per la notte. La nostra umana continua a lamentarsi che tre gatti sul letto sono tanti, ma è lei che ci disturba, noi dormiamo come angioletti.
    Vedrai, tra un po’ di tempo ti lascerà più tranquilla!
    Con tantissima comprensione
    Olivia

  5. Ciao Concè!

    Ho trovato la giusta definizione per te:
    sei un’animalista “fondamentalista” :-))
    Ti va bene? :-))
    Scherzo, nun te ncacchià…..ops….si potrà dire….non è che ci censurano a tutti
    e due? :-))
    Anni fa avevo un gatto siamese maschio, si chiamava Patatone.
    Anche lui appena sentiva la porta d’ingresso che si apriva e chiudeva,
    quando tornavo a casa da scuola, sgattaiolava dalla cucina per venirmi incontro.
    Io in fretta mi chiudevo in camera mia per cambiarmi, e lui si piazzava davanti alla porta
    miagolando finchè non gli aprivo per strusciarsi addosso e farmi le caprioline. :-))
    Un micione indimenticabile!

    Ciao

    Buona settimana!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...